Papa Francesco: "Davanti ai conflitti non si può restare fermi"

"Davanti ai conflitti non si può restare fermi, bisogna reagire, bisogna essere creativi". Così Papa Francesco all'Arena di pace 2024, a Verona, in risposta ad Andrea Riccardi della Comunità sant'Egidio e Sergio Paronetto di Pax Christi. "Se c'è vita, se c'è una comunità attiva, se c'è un dinamismo positivo nella società, allora ci sono anche conflitti e tensioni. È un dato di fatto: l'assenza di conflittualità non significa che vi sia la pace, ma che si è smesso di vivere, di pensare, di spendersi per ciò in cui si crede" ha detto Bergoglio. "Nella nostra vita, nelle nostre realtà, nei nostri territori saremo sempre chiamati a fare i conti con le tensioni e i conflitti. Dovremo sempre capire quali sono i poli in gioco nelle tensioni che viviamo, quali sono le parti dei conflitti in cui siamo coinvolti in modo diretto o come testimoni. Spesso siamo tentati di pensare che la soluzione per uscire dai conflitti e dalle tensioni sia quella della loro rimozione: li ignoro, li nascondo, li marginalizzo. Così facendo amputo la realtà di un pezzo scomodo ma anche importante. Sappiamo che l'esito finale di questo modo di vivere i conflitti è quello di accrescere le ingiustizie e generare reazioni di malessere e frustrazione, che possono tradursi anche in gesti violenti. Un'altra risposta dal fiato corto è quella di cercare di risolvere le tensioni facendo prevalere uno dei poli in gioco, riducendo la pluralità di posizioni a un'unica prospettiva". Ancora una volta si tratta, per papa Francesco, di un vicolo cieco: si cerca l'uniformità invece che l'unità, si ha paura immotivata nei confronti della pluralità. Il primo passo da fare per vivere in modo sano tensioni e conflitti è riconoscere che fanno parte della nostra vita, sono fisiologici, quando non travalicano la soglia della violenza. "Quindi non averne paura - ha insistito Bergoglio -. Non temere se ci sono idee diverse che si confrontano e forse si scontrano. In queste situazioni siamo chiamati a un esercizio diverso. Lasciarci interpellare dal conflitto, lasciarci provocare dalle tensioni, per metterci in ricerca. Ricercare l'ordine delle priorità, che non significa cancellare uno dei poli, ma vederli insieme e coglierne il diverso peso. Ricercare in un conflitto le ragioni di ogni parte, quelle emergenti e, se si riesce, anche quelle tenute nascoste, quelle di cui non si è consapevoli appieno. Questo è possibile attraverso il dialogo, che è fatto di ascolto attento, di silenzio che lascia maturare quanto si sperimenta, di parole meditate. È anche necessario crescere nel rispetto, nel credito accordato all'altro. «I veri conflitti sociali, anche culturali, si risolvono con il dialogo, ma prima con il rispetto dell'identità dell'altra persona». E il dialogo e il rispetto possono maturare quando si inizia a fare qualcosa insieme, quando si uniscono le mani prima ancora che i pensieri".

 

S.E.R. Mons. Alfonso Raimo ha fatto visita questa mattina al Reggimento Cavalleggeri Guide

S.E.R. Mons. Alfonso Raimo, Vescovo titolare di Termini Imerese e Ausiliare dell’Arcidiocesi...

Comune dona alla Caritas tre biciclette per i minori del centro Cas

"Un gesto di solidarietà e di integrazione". Commenta così, il direttore della Caritas della...

Intervento di consolidamento al Monumento Funebre di Margherita Di Durazzo

Questa mattina, nella Cattedrale San Matteo di Salerno, retta dal parroco Don Felice Moliterno, è...

Battipaglia, ritiro spirituale con i monaci tibetani : ecco dove

Disconnettersi per connettersi con se stessi. È l’obiettivo dell’evento Spiritual Tibetan days che si...